Anche HAGLOFS chiude i propri store per il Global Climate Strike

Nella giornata di venerdì 20 settembre, ogni persona è chiamata a prendere parte allo sciopero globale a favore del clima, iniziando così una settimana di sensibilizzazione guidata dagli attivisti del movimento “School strike for climate”.

Questa volta però, non solo gli studenti sono chiamati a partecipare. Tutti sono incoraggiati ad uscire di casa e dal proprio posto di lavoro per unirsi a una grande, pacifica protesta che mette l’accento sull’urgenza del problema del cambiamento climatico.

Dopo il caso di Patagonia, anche Haglöfs conferma il suo impegno per la sostenibilità che, da circa 100 anni, dimostra sia attraverso il suo ruolo di produttore, sia nel sostegno di problemi più grandi che coinvolgono tutto il pianeta.

Il CEO dell’azienda, Carsten Unbehaun afferma: “È chiaro che la risposta al cambiamento climatico non sta arrivando abbastanza velocemente. Sostengo Haglöfs nell’unirsi, venerdì 20 settembre, allo sciopero climatico globale, in vista del Climate Action Summit dell’Onu a New York, per chiedere che i governi si impegnino a realizzare i cambiamenti su larga scala, necessari per affrontare questa sfida.”

Tutti i dipendenti di Haglöfs, il 20 settembre, sono incoraggiati a partecipare allo sciopero e l’azienda chiuderà i suoi negozi per consentirlo.

Condividi su:
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •