Assosalute: “Con l’arrivo delle vacanze facciamo attenzione a cosa mettere in valigia”

L’estate è ufficialmente iniziata e per molti italiani è giunto il momento di pensare a cosa mettere in valigia. Non importa se al mare, in montagna, all’estero o nelle nostre belle città, ciò che conta è essere preparati al meglio per potersi godere il periodo estivo senza imprevisti.

Per proteggersi in questo periodo dell’anno in cui ci si rilassa al sole e si dà spazio alle attività all’aperto, ASSOSALUTE (Associazione nazionale farmaci di automedicazione) dà una serie di consigli e propone un kit “salva-vacanze” da portare sempre con sé.

Diversa la vacanza, diverse le insidie in agguato. Di seguito, una semplice e breve guida per non mettere a repentaglio la spensieratezza delle ferie.

UN’ESTATE AL MARE

Per tutti coloro che trascorreranno quest’estate sotto l’ombrellone, è bene tenere conto di queste regole:

  • Assicurarsi di rimanere sempre idratati, assumendo regolarmente liquidi, soprattutto se si trascorrono molte ore della giornata sotto il sole. Fare attenzione al vento: in queste condizioni si percepisce meno il calore e si rischia la disidratazione.
  • È preferibile evitare di esporsi al sole nelle ore più calde, ricordandosi di applicare sempre la crema solare ad alta protezione: questo vale per tutti ed è assolutamente d’obbligo per i bambini. È importante applicare la protezione a intervalli regolari e in modo particolare dopo i bagni.
  • Soprattutto nelle ore più calde della giornata è consigliabile l’utilizzo di occhiali da sole e proteggere la testa. Questa regola vale soprattutto per i bambini che tendono a giocare per ore al sole.
  • In caso di scottature è consigliabile evitare l’ulteriore esposizione e prendersi cura della propria pelle, nutrendola con sostanze emollienti. Una buona regola in caso di scottature è non fare la doccia con acqua troppo calda stando attenti ad asciugare la parte irritata con delicatezza, senza esercitare pressione con l’asciugamano.
  • Fare attenzione a non fare il bagno immediatamente dopi i pasti principali: è consigliabile attendere 2-3 ore in modo che la digestione sia terminata. Ovviamente, il tempo varierà a seconda di quanto il pasto è stato abbondante.
  • In caso di gita in barca, se lo stomaco risultasse scombussolato, preferire alimenti secchi e poveri di grassi, evitando fumo di sigaretta, alcolici e bevande gassate.
  • Se punti da insetti come api o vespe, è importante disinfettare con cura la ferita togliendo con delicatezza il pungiglione, facendo attenzione a non spezzarne la parte residua. Per stare al riparo dalle zanzare, invece, attenzione alle luci e ai ristagni d’acqua.
  • Nel caso di puntura di medusa è bene rimuoverne eventuali residui dalla pelle. La zona colpita va lavata con acqua di mare: l’acqua salata è da preferire a quella dolce che al contrario acuisce i sintomi. È opportuno poi coprire la parte infiammata, perché è sensibile alla luce del sole e tende a scurirsi, provocando delle cicatrici antiestetiche.

(Visited 32 times, 1 visits today)

Leave A Comment