Ecco cosa è successo durante il Nike Innovation Summit a Londra

Metti un lunedì pomeriggio a Londra. Metti che in una bellissima location, curata nei minimi dettagli, presentino la nuova collezione Nike Free e una valanga di nuovi servizi dedicati e pensati per i runners di tutta Europa. Metti anche che ti portino a cena correndo per le strade di Londra con le nuove Nike Free ai piedi. 

La nostra sessione inizia alle 15, quando, tra gli altri, Ernest Kim, senior innovator di Nike, presenta e spiega nei dettagli le caratteristiche delle nuove Free. Un lavoro frutto di anni di ricerca su quello che viene definito il “natural motion”, ovvero lo studio dei movimenti naturali del piede durante la corsa. Grazie all’uso di sensori di pressione e video che evidenziano i diversi modi di correre dei soggetti testati, il Team di designers, insieme ai ricercatori, negli anni è riuscito nell’impresa di migliorare – edizione dopo edizione – il prodotto Free.

Perchè indossare Nike Free? Per migliorare la muscolatura del piede, elevare la forza di muscoli che nella corsa usiamo raramente, per prevenire infortuni e per avere una scarpa complementare ad ogni allenamento, un prodotto che ogni Runner dovrebbe avere per migliorare.

La soluzione per aiutare tutti i runners arriva dalla nuova suola a geometria esagonale, che permette di seguire nel modo più naturale possibile i movimenti di ogni tipo di runner, favorendo un tipo di corsa naturale, la stessa che fareste a piedi nudi.

Tre le versioni delle Nike Free: si parte dalle 3.0, le più minimal, differenziale di 4 mm e tomaia in Flyknit che sembra – e in realtà lo è – una calza che avvolge il piede senza costrizioni e senza stringere troppo. Se siete dei runner evoluti e vi siete avvicinati al barefoot running le 3.0 sono le scarpe ideali per voi. Leggere, leggerissime, vi daranno la possibilità di avere maggiore feeling con il terreno, mantendo comunuque un certo grado di ammortizzazione.

Si passa poi alle 4.0, differenziale 6 mm, un po’ più ammortizzate, tomaia sempre in Flyknit, realizzata con un unico filo e una sola cucitura. Perfette se vi state avvicinando al barefoot running e volete salire di livello. L’ammortizzazione si inizia a sentire e la particolare conformazione della scarpa favorisce un appoggio sull’avampiede, senza pregiudicare troppo l’incolumità delle vostre ginocchia.

Se invece vi serve una scarpa morbida, ancora più morbida, con un differenziale di 8 mm, le 5.0 sono quello che fa per voi. Questa scarpa è ottima nel caso vogliate provare l’esperienza del barefoot running, con il massimo grado di ammortizzazione. Atterraggi morbidi e sensazione di correre a piedi nudi sono fusi in un’unica scarpa, per allenamenti che rinforzeranno la muscolatura di piedi, caviglie e polpacci.

Se volete testare le nuove Nike Free e partecipare ad un evento/run dedicato al barefoot segnatevi questa data: 2 Aprile 2015. Sarà infatti in programma all’Arena Civica di Milano una giornata dedicata alle nuove Free. Grazie al test e alla run condotta da un coach Nike scoprirete il mondo Nike Free e potrete scegliere quale modello fa per voi.

Consultate la pagina www.nike.com/events per rimanere informati sull’evento e per partecipare agli allenamenti organizzati dal Running Club.

Non vi basta? Da qualche giorno – a questo link – è possibile inoltre personalizzare il look e la calzata delle nuove Nike Free 5.0 iD e Nike Free 4.0 Flyknit iD per un’esperienza di running più naturale che mai.

 

Condividi su:
  • 29
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    29
    Shares
  • 29
  •  
  •  
  •  
  •  

1 Comment