Gli Springboks in visita all’ Asics Institute of Sports Science

Gli Springboks arrivano in Europa per le Autumn International series. ASICS racconta la visita all’ASICS Institute of Sport a Kobe, in Giappone, ed i test a cui si sono sottoposti per individuare il miglior abbigliamento performance prima di un anno importante.

In qualità di Official Technical Sponsor di SARU (Sud Africa Rugby Union), e quindi anche del Springbok Rugby Team, ASICS sta lavorando a stretto contatto con la Federazione Sudafricana  al fine di permettere alla squadra di prepararsi al meglio in vista della Coppa del Mondo di Rugby 2015.

In vista degli imminenti Autumn Internationals, gli ambassador ASICS Tendai Mtawarira e Eben Etzebeth, insieme con Jean de Villiers, Bismarck du Plessis, Duane Vermeulen, Patrick Lambie, Willie le Roux e Cornal Hendricks, accompagnati dall’Head Coach Heyneke Meyer hanno soggiornato cinque giorni in Giappone per testare quello che ASICS può fornire loro.

I dettagli esatti dei test e la composizione della divisa non saranno rivelati fino a quando le maglie non saranno presentate ufficialmente, ovvero nel 2015. ASICS si impegna a far si che il team degli Springbok abbia le migliori strumenti per raggiungere il successo nella Coppa del Mondo di Rugby 2015, cercando di offrire loro il miglior supporto tecnico durante le competizioni.

Tendai ‘The Beast” Mtawarira, pilone degli Springboks, ha dichiarato: “Il viaggio in Giappone è stato veramente speciale, sono state bellissime giornate ed abbiamo apprezzato molto il nostro soggiorno a Kobe, dove abbiamo conosciuto una nuova cultura. La cosa più importante per me è stata la visita all’ASICS Institute of Sport, essendo un atleta, per me la preparazione è importantissima, e vedere la cura e la ricerca del dettaglio che vengono impiegate nella realizzazione della nostra divisa mi ha fatto apprezzare ancora di più ASICS. Poter lavorare con ASICS rappresenta un’altra parte del percorso che stiamo seguendo diventare la migliore squadra del mondo “.

Durante il soggiorno in Giappone il team ha anche partecipato ad una speciale sessione di allenamento con due scuole locali, nell’ambito del progetto che vede ASICS impegnato per diffondere e sviluppare la cultura dello sport del rugby in vista della Coppa del Mondo di Rugby 2019 che si svolgerà proprio in Giappone.

I prodotti ASICS sono il risultato di anni di ricerca e sviluppo, con un particolare focus sulla bio-meccanica degli atleti. La visita degli Springboks all’ASICS Institute of Sport ha permesso di lavorare a stretto contatto con gli atleti e di osservare e analizzare i loro movimenti fisici e la loro forza muscolare, e grazie a queste informazioni riuscire a progettare l’abbigliamento e le calzature più performanti per il team.

Katsumi Kato, Direttore e Amministratore Delegato di ASICS Corporation ha dichiarato: “Siamo entusiasti della visita degli atleti SARU all’Istituto di Scienza dello Sport di ASICS. Quando la partnership è iniziata con la campagna Made of Sud Africa abbiamo capito l’importanza, il significato ed il senso di orgoglio che riveste  la maglia degli Springboks.  Questi valori sono molti importanti per ASICS e l’aver invitato SARU in Giappone è servito a condividere le ricerche tecniche e scientifiche che sono al centro della nostra filosofia e ci guidano nella produzione dei nostri articoli. La creazione di una forte partnership garantirà un lungo periodo di soddisfazioni per ASICS e gli Springboks”. 

Queste le parole di Heyneke Meyer, Head Coach del South African Rugby Union, “Lavorare a stretto contatto con ASICS ci ha fatto comprendere come la ricerca della perfezione oggi sia un valore fondamentale per riuscire a primeggiare nello sport moderno. E’ stato un viaggio affascinante ed è servito per rafforzare ulteriormente il nostro rapporto con ASICS. Le nostre attenzioni sono ora rivolte agli Autumn Internationals, durante i quali saremo impegnati in incontri dall’alto valore tecnico”.

[youtube_sc url=”https://www.youtube.com/watch?v=0eOLRxUQixI” width=”720″ autohide=”1″]

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 Comments