INFERNO RUN, ecco tutte le novità delle gare 2017

E siamo a cinque. Anzi, a sei. Si, perché anche quest’anno la Inferno porterà con sé ben due edizioni: la prima il 6 maggio in provincia di Pisa, nella bellissima tenuta di Torre a Cenaia, la seconda il 21 ottobre all’Ippodromo del Visarno, nel cuore del Parco delle Cascine di Firenze.

Ma queste sono notizie già note. Quello che ancora non si sapeva è che alla Inferno di sabato 21 ottobre a Firenze si andrà ad aggiungere, una Inferno “short” di 3 km la mattina della domenica 22 ottobre tutta dentro l’ippodromo.

Questo format è mutuato direttamente dai campionati del mondo OCR. Confermati i chilometraggi di Cenaia: 14 km per  competitivi e non e la novità dei 5 km con una ventina di ostacoli riservati ai non competitivi.

In questo cammino di avvicinamento all’inferno troverà nuovamente spazio il contest “Disegna il tuo Inferno” (il concorso grazie al quale i partecipanti alla competizione mettono alla prova la loro fantasia nel proporre ostacoli sempre più diabolici).

Ma siccome occorre inventarne una più del diavolo ecco un’altra interessante novità.

Dal 1 marzo aprirà il contest di storytelling “Racconta il tuo Inferno – #TELLyourHELL”. Un concorso che, come spiega Niccolò Nava, Race Director di INFERNO, parte da un semplice presupposto: “Dietro la preparazione di una Obstacle Race non c’è soltanto l’allenamento. C’è dedizione, spirito di sacrificio, costanza. Nello specifico Inferno è, soprattutto, una sfida con se stessi. Perché l'”ostacolo” non è solo fisico, ma anche mentale.”

E quindi dietro ogni Inferno ci sono storie vere, quelle dei partecipanti. Spesso davvero toccanti. Ne è un esempio quella di Constantin Bostan che ha corso la Inferno di Cenaia 2015 in stampelle, ci sono i racconti dei migranti della Cooperativa Albatros, in fuga, stavolta, dall’Inferno vero.

C’è poi la storia di Andrea Pacini, il paratleta dell’Associazione “Spingi la vita” che ha corso l’ultima Inferno in carrozzina supportato dai suoi amici.

E poi c’è la storia di Marco e Laura che alla Inferno si sono conosciuti, si sono innamorati e poi… si sono sposati.

“Vogliamo raccontarne altre di queste (belle) storie – spiega Niccolò –  Per cui armatevi di smartphone e raccontateci la vostra storia! La modalità sceglietela voi (email, messaggio vocale di Whatsapp, video, piccione viaggiatore va bene tutto). La più bella, a nostro insindacabile giudizio, sarà messa online a modo nostro. Il vincitore di questo contest si aggiudicherà un pezzo di paradiso…”.

Ancora una volta la Inferno di Cenaia e di Firenze saranno rispettivamente la prima e l’ultima tappa del Campionato Italiano OCR e ancora una volta Inferno sarà una delle gare valide per la qualificazione agli Europei e per ora l’unica a qualificare per Mondiali OCR.

Nel 2016 ostacoli artificiali, fiumi, laghi e pozze di fango hanno messo alla prova la capacità di superare i propri limiti di oltre 5000 partecipanti, facendo di INFERNO la Obstacle Race 100% italiana più partecipata nonché quella in assoluto con il numero più alto, in media, di finisher per corsa (fonte mudrun.it)

TUTTE LE INFO E ISCRIZIONI SU

www.infernorun.it

Inferno Run, è impossibile solo se non ci provi…

[youtube_sc url=”https://www.youtube.com/watch?v=f5xiuTnQCAw” autohide=”1″]

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •