Inizia il conto alla rovescia per la “We Own The Night”,

NinaZilli_WOTN

Manca meno di una settimana per allenarsi, macinare km e mettersi alla prova la notte del 31 maggio. È arrivato il momento di We Own The Night, la prima edizione di una run dedicata da Nike esclusivamente alle donne.

L’appuntamento per le runner è in Largo Cairoli dove sarà allestito un Expo come mai prima d’ora: un beauty corner dove le ragazze potranno dare un tocco al proprio look prima della corsa, un’area test dei prodotti più innovativi di Nike Running, un photo-boot per portarsi a casa il ricordo di una sera indimenticabile e la Nike+ station per scaricare i propri km.

Alle 20 da Largo Cairoli si parte per correre attraverso alcuni luoghi–simbolo della città: da Parco Sempione all’Arena Civica, attraversando Corso Como, Piazza Gae Aulenti per arrivare al Sottopassaggio delle Gabelle e ritornare infine davanti al Castello Sforzesco.

Lungo il percorso le runner saranno accompagnate da giochi luci, proiezioni e sound design.

Tra le tante ragazze alla linea di partenza ci saranno miti dello sport come Valeria Straneo, maratoneta Italiana e miti della televisione come Melissa Satta e Fiammetta Cicogna che si sfideranno a vicenda a suon di km.

All’arrivo, per un momento di festa e di celebrazione, ci sarà la voce soul italiana per eccellenza di Nina Zilli special guest del soundsystem feat. SHYSTIE The UK Queen of Clubs e Loop Loona w/ Lady Coco.

Non si tratta di una run competitiva, chiunque può partecipare, fermandosi anche prima dei 10 km per godersi lo spettacolo. Partecipare alla prima edizione della Nike We Own The Night è semplicissimo: basta collegarsi al sito www.nike.com/weownthenightmilano selezionare il proprio obiettivo per la corsa e iniziare ad allenarsi.

Ready, steady, go…We Own The Night Milano.  

Milano, 31 maggio ore 20:00 – Largo Cairoli

La WE OWN THE NIGHT MILANO, col patrocinio del Comune di Milano, è stata scelta come uno degli eventi di running all’interno della “Road to Expo 2015”.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •