Le 5 regole per correre più veloce secondo Run Like Never Before

Oggi parliamo di miglioramenti. Quelli che non arrivano mai, anche se corriamo tutti i giorni. Ecco allora una mini-guida alla scoperta di come guadagnare secondi preziosi (al km si intende) e tagliare il traguardo distruggendo il proprio personale. Poche e semplici, eccole:

RIPETUTE

Come diceva il proverbio? Repetita iuvant? Certo che giovano!! Inserite nella vostra tabella degli allenamenti che comprendano le famigerate ripetute e nel giro di un paio di mesi sarete in grado di correre più velocemente del vostro ritmo “standard”. Iniziate con distanze brevi, 200 o 400 metri. Cercate di percorrere queste distanze a forte velocità e recuperate per 1 minuto, massimo 1 minuto e mezzo. Ripetete per 6, 8 o 10 volte, in base al vostro stato di forma. Accumulare centinaia di km senza mai fare una ripetuta non vi renderà più veloci!

VARIAZIONI

Variate il ritmo, e scegliete se chiamarlo fartlek o speedplay (io opto per la seconda, mi piace di più e suona “più figo”). Anche le variazioni di ritmo sono importanti. Fate 20 minuti di riscaldamento e poi alternate (secondo le vostre capacità) 2 minuti a ritmo “lento” e 1 a ritmo “veloce” ripetendo il tutto per una decina di volte (mezz’ora). Abituarsi a cambiare ritmo potrebbe essere decisivo nel corso di una gara!

SALITE!

Le salite sono un altro allenamento fondamentale che non può mancare nella vostra programmazione. Scegliete una salita di 80-100 metri (c’è anche chi, come me, ha provato ad utilizzare i cavalcavia, con l’accortezza che abbiano l’area pedonale delimitata!) e dopo i classici 20 minuti di warmup, fate 10 ripetizioni spingendo bene sulle gambe e recuperando fiato in discesa (corsa lentissima/jogging). Vedrete che tempi!

LEPRI

Trovate una lepre. No, non alla sagra della polenta! Cercate di correre con qualcuno più veloce di voi e che vi faccia compagnia. Vi accorgerete che aumenterete il ritmo senza accorgervene e sarà più facile portare a termine un allenamento “faticoso”. Sarà stimolante e toglierà altri secondi al vostro ritmo gara. Da provare!

CREDERCI, SEMPRE

Molte persone non credono di poter scendere sotto i 5’00″/km o i 4’30″/km e così via. Quando l’allenamento c’è, queste sono per lo più delle barriere mentali, dei “muri” che si creano forse perchè non ci riteniamo abbastanza “forti” o preparati. La mente, così come regalare grandissime soddisfazioni, a volte può giocare brutti scherzi. Credete in voi e migliorate la vostra condizione mentale. Tutto è possibile!!

RLNB-Logo

Condividi su:
  • 36
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    36
    Shares
  • 36
  •  
  •  
  •  
  •