Quattro app per correre, quattro modi diversi di interpretare il running

Inizialmente ho pensato di scrivere questo articolo come se fosse una sorta di “sfida” tra app, una gara ad eliminazione, dove alla fine, nel puro stile highlander, ne sarebbe rimasta soltanto una. Ma correndo e testando le quattro app recensite in questo post ho scoperto che in realtà non sono solo quattro strumenti tecnologici diversi tra loro, ma sono anche quattro modi diversi di interpretare e vivere il running. Ma partiamo dalle protagoniste, ecco le quattro app che ho voluto testare:

NIKE+ RUNNING:

Nike ha rivoluzionato il mondo del running nel 2006 con il lancio dell’iPod Sport Kit. Era il primo passo verso la “socializzazione” della corsa. Era sufficiente inserire un sensore nelle scarpe ed uscire a correre col proprio iPod per sentirsi un campione. Con il tempo e con l’avanzare della tecnologia negli smartphone si è passati all’utilizzo del GPS. È nata così Nike+ Running. L’applicazione, gratuita, sfrutta il GPS o l’accelerometro del vostro smartphone per misurare la distanza percorsa durante il vostro allenamento, che sia outdoor o su un tapis roulant. La condivisione sui “social” è parte integrante dell’app, che vi sosterrà con un caloroso tifo ogni volta che qualcuno cliccherà su “mi piace” o commenterà il vostro post (pubblicato dall’app nel momento in cui farete partire la sessione di corsa). Oltre a visualizzarla sul display del vostro iPhone, ad ogni km sarete informati della distanza percorsa e della velocità media al km che state mantenedo. Diverse le opzioni di personalizzazione, tra cui  la nuova arrivata “auto-pause” che metterà in pausa la sessione quando vi fermerete, senza bisogno di farlo manualmente. Possibilità di aggiungere amici e creare o partecipare alle sfide sono i punti forti di questa app, che punta molto sul social  e sulla condivisione delle corse.

nike

Generalmente precisa sulle distanze rilevate, è comunque possibile calibrarla dopo una corsa (se ad esempio conoscete esattamente la distanza percorsa, o avete percorso una distanza misurata). Esigente nei consumi, “mangia” batteria che è un piacere, vi consiglio di mettere il display in stand-by una volta iniziata la corsa (avrete comunque i feedback vocali che vi aiuteranno a capire come sta andando la vostra corsa). Introdotta da poco l’opzione di scattare foto prima, durante e dopo la corsa, e inserirle in un “mosaico” fotografico (pubblicabile su instagram direttamente dall’app). Possibilità di impostare una “power-song” per quando avrete bisogno di una carica extra e incitamenti da atleti famosi vi daranno la giusta motivazione per continuare. Se non vi piace l’inglese questa app non fa per voi: infatti manca la localizzazione in italiano, chiesta a gran voce da molti utenti e non ancora “sbarcata” sui nostri schermi. Loggandosi sul sito di riferimento potrete inoltre riguardare e rivedere i contenuti e le vostre corse. Non è presente (e non lo è mai stata) la possibilità di inserire manualmente sessioni di corsa (o di altri sport). Un sistema “chiuso” quindi, ma molto molto motivante e stimolante, in particolare per i nuovi runners. App gratuita!

————————————————————————————————————————–

PUMATRAC:

PUMATRAC è una app sviluppata da Puma Running con un’interfaccia moderna e particolarmente user-friendly. Il punto forte di questa app sono le statistiche e la trasformazione dei dati raccolti durante i vostri allenamenti. Già dalla schermata iniziale possiamo notare le indicazioni del meteo, del luogo in cui ci si trova e dell’ora esatta in cui lanceremo il nostro allenamento. L’app analizzerà quindi i vostri comportamenti e le vostre abitudini e le raccoglierà nell’apposita sezione delle statistiche, presentate in modo innovativo e divertente. Ovviamente, come le altre app dedicate ai runners, anche questa app raccoglie tutti i dati “fondamentali” per chi corre: distanza, passo, calorie bruciate e il tracciamento delle vostre attività nel tempo.

pumatrac

La app, al primo utilizzo si è rivelata un po’ imprecisa con il segnale GPS, ma dopo l’aggiornamento, studiato per migliorare le performance sotto iOS7, l’app non ha più avuto problemi ed ha sempre tracciato correttamente tutti i percorsi. Anche qui possibilità di ascoltare musica durante le vostre run e condivisione sui principali social network (Facebook e Twitter). Altra feature è rappresentata dalla possibilità di scoprire i percorsi che si trovano vicino alla nostra posizione, ovunque ci si trovi nel mondo. Particolarmente indicata per chi cerca un design pulito senza troppi fronzoli, e per chi vuole correre e farlo senza troppe distrazioni. PUMATRAC (per chi ne avesse uno) è compatibile con lo smart watch Pebble, dove vengono riportati i dati della corsa in tempo reale. App gratuita!

————————————————————————————————————————–

STRAVA RUN:

Strava Run, come la sorella maggiore Strava Cycling, è molto particolare e molto amata da diversi runners, che amano la competizione e confrontarsi spesso con la community sportiva che li circonda. L’app ha un feed, realizzato con le “notizie” provenienti dagli altri utenti, che vi informa sulle loro ultime corse o uscite in bicicletta. Particolarmente sviluppata è la sezione delle sfide, dove potrete competere, anche ad alti livelli, con atleti e runners provenienti da ogni parte del mondo. Inoltre, con Strava Run (o Cycling) è possibile effettuare l’upload al sito anche delle sessioni nelle quali si è usato un dispositivo Garmin Forerunner, Edge o Timex (in particolare il Timex Run Trainer 2.0). È inoltre compatibile con dispositivi Bluetooth LE e ANT+. A differenza delle due app di cui abbiamo appena parlato, Strava Run ha una sezione e funzioni “premium” che si possono attivare ed acquistare “in-app”, sottoscrivendo un abbonamento mensile ($6) o annuale ($59).

Strava Run

Queste funzioni comprendono filtri particolari per le classifiche, possibilità di impostare obiettivi settimanali, avere statistiche complete personalizzare le “heart rate zones”, e (non per ultimo) la possibilità di esportare i vostri percorsi in formato GPX, da caricare poi sul vostro dipositivo Garmin. Con Strava Run è possibile (gratuitamente) inserire sessioni di allenamenti anche di altri sport, che vanno dal nuoto, allo sci, snowboard, alpinismo, o una semplice camminata. Precisa e affidabile, questa app è nota per essere utilizzata da atleti di altissimo livello,  consigliata a runner  un po’ più “esperti”, che vogliono mettersi alla prova e sfidare altri runners. App gratuita con possibilità di acquisti in-app!

————————————————————————————————————————–

RUNTASTIC:

Passiamo ora a Runtastic, l’app più ricca di opzioni in assoluto. Personalizzabile in ogni minimo dettaglio, questa app, come le altre, è in grado di tracciare il vostro percorso grazie al GPS, ma fa anche molto di più. La versione “Pro” infatti (€ 4,99) rende possibile attivare una serie infinita di opzioni, tra cui il “live tracking” ovvero la visualizzazione in tempo reale della tua posizione, per fare in modo che i tuoi amici o la tua famiglia sappiano dove sei durante i tuoi allenamenti. Inoltre, sempre nella versione pro, troviamo incitamento durante le attività, allenamenti a intervalli e personal trainer, auto-pausa, monitoraggio del tuo peso, integrazione con cardiofrequenzimetro tramite accessori addizionali, allenamento a zone cardiache e molto molto altro ancora.
runtastic
Preciso e affidabile, anche con la versione Lite (gratuita) è comunque possibile ascoltare la musica preferita durante gli allenamenti e sfidare  i tuoi amici. Ovviamente sempre presente la funzione “Social” che pubblica le tue attività su Facebook, Twitter e sul portale di Runtastic. Anche in questa app è possibile l’inserimento dati in modalità manuale che permette di tenere traccia di attività quali treadmill, yoga e palestra. Anche questa app, come Nike Running+ fa un uso abbastanza intenso della batteria, quindi vi consiglio di impostare le opzioni “al minimo” ed eventualmente mettere lo schermo del vostro iPhone in stand-by. Altro dettaglio della versione “Pro” per i geek della corsa. Grazie al nuovo aggiornamento è ora possibile collegare (a scelta) la vostra app con uno smartwatch Samsung Galaxy Gear, Sony SmartWatch 2 o con un PebbleApp gratuita con possibilità di acquisti in-app!
————————————————————————————————————————–
Chi vince quindi la sfida? In realtà, come ho scritto in apertura, non c’è un vero vincitore, ma solo quattro modi diversi di interpretare il running, quattro “stili” completamente distinti e indipendenti uno dall’altro, che, anche se con diversi punti in comune, cercano di regalare ai runners esperienze ed emozioni diverse. Sicuramente una delle quattro saprà soddisfare le vostre esigenze, che voi siate dei runner “basic”, “social” o semplicemente molto esigenti. Il mio consiglio quindi è quello di provarle tutte e quattro, visto che comunque sono (fino a un certo punto) tutte gratuite, per poter meglio capire qual è il genere che fa per voi. L’importante, come sempre, è continuare a correre ed allenarvi, ovunque voi siate, con una sola cosa in testa: runlikeneverbefore!
————————————————————————————————————————–
Ecco i link per scaricare le quattro app:

NIKE+ RUNNING

PUMATRAC

STRAVA RUN

RUNTASTIC

————————————————————————————————————————–

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •