Reebok ONE Cushion: la recensione di Runlikeneverbefore

Una bella novità. Ho provato le nuove Reebok ONE Cushion e ne sono rimasto entusiasta. Queste scarpe fanno parte della Reebok One Series, una serie di scarpe appunto realizzate per le diverse esigenze di diversi tipi di appoggio. Queste in particolare, come potrete immaginare dal nome, sono quelle che rappresentano la categoria “massimo ammortizzamento” e lo fanno in modo egregio. L’intersuola, come si può notare dalle foto, è realizzata utilizzando tre diverse densità di schiuma, che garantiscono una perfetta transizione ad ogni appoggio del piede. Prettamente neutre, non offrono un particolare supporto per i pronatori, ma risultano comunque piuttosto reattive e non fanno “affondare” il piede.

Comoda la zona del collo del piede e abbondanti di pianta, non fasciano eccessivamente il piede e sono realizzate senza cuciture interne, in modo da evitare sfregamenti e fastidiose vesciche. Tomaia leggera e traspirante, con una colorazione neon davvero bella. Perfette per gli allenamenti di tutti i giorni e per chi ama sentire sotto al piede un po’ di comfort extra, regaiscono bene anche a ritmi un po’ più elevati, restituendo buona parte dell’energia e della reattività. “Pronte da subito”, necessitano di poco rodaggio, in quanto la morbidezza si fa sentire già nelle prime uscite, per poi ulteriormente migliorare una volta utilizzate e formate dopo ogni falcata.

Con un offset di 11 mm sono ideali per runners con appoggio neutro che cercano una scarpa flessibile e leggera per gli allenamenti quotidiani. Se avete piccoli problemi di pronazione vi consiglio di provarle prima dell’acquisto e testare il “feeling” su un tapis roulant (diversi negozi specializzati in running ne hanno uno per testare le scarpe). Non ho trovato particolari difetti o controindicazioni, non mi resta che lasciarvi con il mio motto: Run Like Never Before!

Condividi su:
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •