Vodafone Milano Ride: 100 km di vera passione sportiva!

Finalmente anche Milano ha la sua Granfondo. Si chiama Deejay 100 ed è inserita nella tre giorni dedicata al ciclismo che prende il nome di Vodafone Milano Ride.

Un vero e proprio evento per gli amanti della bici, un fine settimana innovativo e di grande festa anche per la famiglie.

Ce n’è per tutti: dal carosello della Milano Fixed alla Milano Light, 15km per tutti, alle gare di Citylife Urban Crono MTB.

Il tutto nella splendida cornice del Velodromo Vigorelli che ha recentemente riaperto i battenti e che ha ospitato il Deejay Village.

Beh insomma, per farla breve, non potevo mancare. E ho scelto la Deejay 100 per provare ancora una volta l’ebbrezza di una gara di granfondo.

Al Vigorelli tutto fila liscio, ritiro pettorali e foto di rito. E poi il classico giro negli stand allestiti all’interno del Deejay Village. 

Prima della competizione ho fatto un giro fra gli stand del Deejay Village. Mi sono fermato a quello di Friliver dove mi è stato proposto l’integratore. Di solito non rischio mai, non prendo mai alimenti o integratori nuovi in gara, ma stavo bene, e ho deciso di provare.

Delle due borracce che porto in bici di solito una è di sola acqua. Uso quella per sciogliere la bustina di Long Energy con l’idea di provarlo poco a poco durante il percorso. Mi porto anche due barrette al cioccolato (che poi ritroverò ai ristori) e vado sulla linea di partenza.

Pochi minuti di attesa e si parte! Il percorso è veloce, piatto, senza dislivello. Saremo un migliaio, forse 1.500.

Trovo un gruppo che tiene un buon ritmo e mi infilo nel mezzo. Il meteo è clemente, la temperatura perfetta. La pioggia prevista non arriva e anzi lascia spazio a un tiepido sole.

Sto bene, le gambe girano che è una meraviglia. Ma so già che non ne avrò per tutti e 100 i km (quasi 110 alla fine). Penso “me ne preoccuperò dopo”.

È solo al secondo ristoro che capisco che le energie stanno finendo. Mangio mezza banana e un’altra barretta.

Riparto, trovo un altro gruppo, e decido di seguirlo fino al traguardo. E così faccio. 

Stanco ma con la consapevolezza di star bene, con le gambe che bruciano ma che so mi porteranno fino alla fine, con lo stomaco che non ha mai dato problemi, nonostante abbia finito anche la borraccia di Friliver. 

L’assunzione dell’integratore prima della gara mi è servita: ho deciso dunque di tornare allo stand e di provare anche un prodotto per il recupero.

Questione integratori. Funzionano? Hanno funzionato? Nel mio caso direi proprio di sì, soprattutto il Recharge (quello per il recupero) che dopo lunghe distanze o sforzi prolungati diventa una componente piuttosto importante dell’integrazione. 

La scienza dell’integrazione ormai ha fatto passi da gigante e i prodotti diventano sempre più specifici e scientifici. Il risultato è che adesso gli integratori funzionano bene e meglio di prima (per maggiori informazioni sugli integratori e i prodotti Friliver, potete consultare il sito http://www.friliver.it)

Insomma una nuova Granfondo e la conferma che gli appassionati di bici diventano sempre più numerosi. Che dire, ci vediamo l’anno prossimo!

Buzzoole

Condividi su:
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    9
    Shares
  • 9
  •  
  •  
  •  
  •