Apple e gli U2 regalano il nuovo album Songs of Innocence

Apple e gli U2 regalano il nuovo album Songs of Innocence a oltre 500 milioni di utenti iTunes in tutto il mondo. Mai prima d’ora un disco era arrivato in mano a così tante persone, e certamente non nel giorno del lancio.

La collaborazione fra Apple e gli U2 è nata dieci anni fa. Insieme hanno creato spot televisivi, il primo iPod special edition e la linea (PRODUCT)RED. E oggi insieme lanciano il nuovo album degli U2 come solo loro sanno fare: in esclusiva assoluta per gli utenti dell’iTunes Store fino al 13 ottobre.

Per gli U2, Songs of Innocence è un ritorno alle radici. Alle influenze di artisti come i Ramones, Bob Dylan e i Clash. Ai primi anni della band a Dublino e al fondamentale pellegrinaggio in California. È un album che solo artisti con una lunga storia di esperienze condivise potevano scrivere e realizzare.

La musica è da sempre al centro della storia di Apple e di quello che fanno. Oggi il via al più grande lancio discografico mai visto: la musica fa un altro passo avanti.

COME FARE? 

Sui dispositivi iOS, apri l’app Musica e seleziona il pannello Album. Fai tap su Songs of Innocence, poi tocca una traccia per ascoltarla subito o l’icona iCloud per scaricarla.

Su Mac o PC, apri iTunes, poi scegli il pannello Album. Seleziona Songs of Innocence. Poi clicca su una traccia per ascoltarla subito o sull’icona iCloud per scaricarla.

Vi ricordo che  Songs of Innocence è disponibile dal 9 settembre al 13 ottobre nei 119 Paesi in cui è presente l’iTunes Store, per gli utenti che hanno un account attivo su iTunes Store ed età non inferiore ai 13 anni (o l’età minima prevista dalla legislazione locale).

Ho ascoltato l’album in repeat da ieri sera, e nonostante le mie opinioni personali su Bono siano sempre molto contrastanti, quando si tratta degli U2 e delle emozioni che sanno trasmettere grazie alla sua voce graffiante e ‘spaccacuore’ non ci sono dubbi, anche questo album è top! Mi piace!

Enjoy!

image.jpg

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •