Avete mai corso con l’abbigliamento a compressione?

La domanda contenuta nel titolo non è rivolta ai soli runner. È perfetta anche per ciclisti, trail runners, ma anche triatleti e chi pratica sport invernali.

L’avete mai provato? Cosa vi viene in mente se dico abbigliamento a compressione, o meglio, calze a compressione? La risposta di solito è sempre la stessa: Booster!

Ed è vero. I Booster sono i Booster, ci sono da una vita. Viene facile chiamare Booster anche quelli di altre marche. Vediamo un paio di gambali e per noi sono Booster.

La loro storia, e parlo di quelli veri, di BV SPORT, parte da lontano. Dal 1989, dopo che due medici vascolari decisero di sperimentare un nuovo tipo di calza che migliorasse la performance degli atleti.

Se funzionano? Se ho trovato benefici? La risposta è sì, funzionano. E durante l’attività fisica i vantaggi sono evidenti e facilmente dimostrabili (vi basta provarli una volta per capire la differenza).

Come funzionano? Perchè funzionano? Il meccanismo è piuttosto semplice e allo stesso tempo geniale: la compressione è differenziata in ogni zona della gamba.

Per il polpaccio, ad esempio, la pressione è maggiore rispetto a quella che sentirete sulla caviglia (dove non serve perché sulla caviglia non ci sono muscoli ma ossa, tendini, nervi e vasi sanguigni).

In poche parole la compressione favorisce la circolazione del sangue e quindi l’ossigenazione dei tessuti, che mentre corri ricevono un beneficio costante, come se fosse un massaggio continuo.

E cosa succede quando arriva più ossigeno? Si riduce la produzione di acido lattico. Ecco dov’è la genialità. 

Insomma, se li provi non torni più indietro. Soprattutto quando scopri che oltre alla linea Booster esiste anche una serie di prodotti dedicati al recupero. Calze, gambali e cosciali. Per non parlare della serie Triathlon.

Per scoprire tutta la gamma di prodotti BV SPORT visita il sito ufficiale

www.bvsport.com

Condividi su: