Bavisela 2013 – Trieste – 5 Maggio

01

La Maratona d’Europa conferma per l’edizione 2013 la partenza da Gradisca d’Isonzo, da piazza Unità d’Italia, nello storico borgo, per arrivare in piazza Unità d’Italia a Trieste, con un percorso unico, tra i più panoramici al mondo, che toccherà due province e sette comuni della regione. Annunciati  anche i primi top runner al via, tra gli italiani il friulano Stefano Scaini, testimonial della Maratona d’Europa-Nuova Bavisela, mentre nella pattuglia di atleti africani spicca  il nome di Eliud Magut, vincitore della Maratona di Cannes nel 2012.

Il percorso della Maratona d’Europa, dopo un pittoresco giro del centro storico di Gradisca,  si presenterà subito molto veloce, con il lungo rettilineo di viale Trieste che, dopo una svolta a sinistra e l’attraversamento del centenario Ponte sull’Isonzo in acciaio, porterà i podisti a Sagrado e successivamente a Fogliano. Quindi un altro rettilineo condurrà gli atleti verso Ronchi dei Legionari, passando davanti al sacrario di Redipuglia, il più grande sacrario militare italiano con più di centomila caduti.

La Maratona d’Europa tocca 7 comuni partendo da Gradisca d’Isonzo per arrivare nella Piazza dell’Unità d’Italia a Trieste.  La partenza della Maratona avviene da Gradisca d’Isonzo e precisamente da Via Regina Elena. Gradisca (“luogo fortificato”) si trova sulla riva destra del fiume Isonzo e fu abitata probabilmente già in periodo romano. E’ infatti un gioiello da svelare. Un raffinato salotto barocco, protetto dalle mura erette nel 1479 dai Veneziani contro gli assalti turchi. Un centro elegante, su cui si aprono severi palazzi, ammorbiditi da tracce barocche, testimoni di quattro secoli di influenza asburgica. Il percorso prosegue per Sagrado e passa per Fogliano Redipuglia e attraversa Ronchi dei Legionari. A Duino c’è la partenza della Mezza Maratona – posto sulla strada che collega Trieste con Monfalcone, sul ciglio della panoramica riviera a falesie, il suo sviluppo e la sua storia sono legati a quelli dei suoi due castelli, il castello vecchio e il castello nuovo. Il piccolo centro storico è raccolto attorno al castello ed è punto di arrivo del sentiero Rilke, meravigliosa passeggiata panoramica che costeggia la Riserva naturale delle Falesie di Duino. Passato Duino si corre lungo la splendida Strada Costiera con la Galleria Naturale per arrivare a Barcola e quindi a Trieste – città tra il Carso e il mare. Avvolta dai profumi della macchia mediterranea, è luminosa e splendente quando l’aria è resa tersa dal vento di bora. Città mitteleuropea dove si sono ispirati grandi letterati come James Joyce, Italo Svevo, Umberto Saba. Convivono armonicamente diversi stili architettonici quali il neoclassico, liberty, eclettico e barocco assieme a vestigia romane, edifici del Settecento e di stampo asbugico.

TUTTE LE INFO E ISCRIZIONI SUL SITO UFFICIALE

Condividi su:
  • 25
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    25
    Shares
  • 25
  •  
  •  
  •  
  •