Christian Maurer – per la quarta volta – è il King di Red Bull X-Alps

L’asso del volo svizzero Christian Maurer (SUI1) vince per la quarta volta consecutiva il Red Bull X-Alps. Per otto giorni ha stupito gli altri concorrenti, i suoi compagni e i tifosi con i suoi virtuosismi e le sue tattiche impeccabili. Da quando è partito da Salisburgo lo scorso 5 luglio, ha camminato e sorvolato le montagne di Austria, Germania, Italia, Svizzera e Francia, tagliando il traguardo del Principato di Monaco in 8 giorni, 4 ore e 37 minuti.

“La gara è finita, sono finalmente qui e sono molto felice”, ha dichiarato Maurer subito dopo l’atterraggio nei pressi del Golf Club di Monte Carlo. “Ho visto e vissuto tante cose nuove e sorprendenti, e sono fiero di condividere la vittoria con il mio team di supporto e i miei tifosi”. Hannes Arch, tra i fondatori del Red Bull X-Alps, si è subito congratulato con Maurer: “Per prima cosa, voglio complimentarmi con Chrigel. Lo tenevamo d’occhio fin dall’inizio: la sua quarta vittoria consecutiva è un’impresa eccezionale”.

Maurer è noto per la preparazione meticolosa, le strategie infallibili e la sua spietata efficienza. Quest’anno però, Sebastian Huber (GER3) e Paul Guschlbauer (AUT1), rispettivamente secondo e terzo classificato, lo hanno sempre tallonato da vicino: “È stato così emozionante vedere Huber e Guschlbauer battersi fino alla fine”, ha aggiunto Arch a questo proposito.

A inseguire da vicino Huber e Guschlbauer gli atleti francesi Antoine Girard (FRA2) e Gaspard Petiot (FRA4), che hanno chiuso la competizione rispettivamente al quarto e quinto posto. A pochi km di distacco, Il campione del mondo di parapendio Aaron Durogati (ITA).

Durogati, unico italiano in gara, dopo un avvio molto difficile, era riuscito a guadagnare terreno sugli avversari proprio nella zona delle Dolomiti del Brenta, uno dei Turnpoint più impegnativi da aggirare, a detta dello stesso Hannes Arch: “Il tratto italiano è stato sicuramente il più difficile di tutto ciò che abbiamo visto nel 2013. Le ampie e profonde vallate non sono state semplici da attraversare in volo, ma restare a terra significava dover scalare a lungo prima di poter tornare in aria”.

L’atleta altoatesino ha combattuto “vela a vela” con i rivali francesi fino alla fine del percorso – confermandosi anche in quest’edizione tra i migliori atleti in gara – e distanziando di parecchi km gli avversari dietro di lui.

I rimanenti atleti in gara avranno ancora tre giorni di tempo per completare il Red Bull X-Alps, che si chiuderà ufficialmente venerdì 17 luglio alle ore 12.00.

È ancora possibile seguire in diretta l’emozionante corsa contro il tempo degli atleti in gara per raggiungere il Principato di Monaco.

Una gara epica, una sfida emozionante, un’avventura avvincente: tutto questo è Red Bull X-Alps, la spettacolare adventure race più estrema al mondo!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •