Frine e le Women in Run: “Il branco siamo noi”

6.743.000 non sono il numero di kilometri che macinerete in un anno e, personalmente nella vita. E’ ciò che emerge da un rapporto Istat del 2006, un pò datato in effetti, sono le donne che hanno subito violenza fisica e sessuale, principalmente nell’ambito delle relazioni affettive. 81..le donne uccise nel 2013 dal rapporto EuRes. Parlo del territorio nazionale. Parlo di violenza fisica senza calcolare quella verbale con cui TUTTE, ci confrontiamo ogni giorno.

Ho già provveduto a parlare qui, di questo argomento, di come si può, insieme sconfiggere il cancro della violenza di genere. Mi sono laureata da poco, trattando questo tematica, convinta che l’informazione sia prevenzione. L’informazione passa attraverso piccoli eventi, che poi diventano grandi per la passione dei partecipanti.

Ed ecco che arriva la parte divertente.

Le Women In Run nascono per volontà di Jennifer Isella, di creare un gruppo di donne che corrono in compagnia, spesso mosse dalla voglia di effettuare allenamenti collettivi, un pò per non rimanere sole, un po’ per la necessità di essere seguite da un coach certificato, vi ricordate il mio primo fartlek?

http://www.runlikeneverbefore.com/frine-vs-fartlek-vs-suffragette-2-0/

La seconda idea è quella dell’evento di sabato 24 gennaio. E qui vi voglio numerosissime. Un allenamento condiviso in tutta Italia in ogni luogo indicato sulla pagina Facebook di Women In Run (link alla pagina) e quella di funmob.com

In ogni capoluogo di provincia da Milano a Palermo, vicino ad aree verdi dove troverete un capogruppo a cui far riferimento, nessuna iscrizione, nessun percorso tracciato, nessun pacer. Una corsetta tra amiche e future nuove conoscenze, qualcosa di rosso e tante, tantissime foto e video da condividere. Saranno presenti le Onlus territoriali.

Per fare rumore, tanto rumore, perché le nostre voci, siano quelle di speranza per chi ha smesso di parlare, per chi non ha più forza di urlare. Per noi, per la nostra sicurezza, per Irene che, a Milano, nella zona Ex Area Pozzi ha subito un aggressione durante un allenamento in solitaria, per Gilberta, la professoressa scomparsa e poi ritrovata uccisa a Sora dopo una devastante violenza, mentre percorreva il suo solito sentiero.

Facciamo gruppo, facciamo informazione e denunciamo a nostro modo. Condividete con #WomenInRun e #StopViolence.

Indossate qualcosa di rosso, se volete scaricate il logo da stampare sulle maglie e vi aspetto puntuali sabato alle 9.00, controllate il luogo più vicino a voi, io e le pioniere siamo al Parco di Monza. 

 

Condividi su:
  • 282
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    282
    Shares
  • 282
  •  
  •  
  •  
  •