Il 7 Maggio la Wings for Life tenterà di battere il record più importante

Secondo una recente indagine di mercato realizzata in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, sempre più persone sono sensibili al tema della generosità e desiderano partecipare a un evento di beneficenza per portare un contributo oggettivo.

Una tendenza in crescita anche in Italia, come dimostrano gli ottimi riscontri ottenuti dalla Wings for Life World Run fin dalla sua prima edizione.

Lo scorso anno, attraverso le quote di iscrizione, sono stati raccolti più del doppio dei fondi rispetto alla prima World Run, che si è svolta a Verona il 4 maggio 2014: l’edizione 2016 ha infatti ottenuto un ricavato del 115% superiore rispetto a quella del 2014, con circa € 104.000,00 rispetto agli oltre € 48.000,00 del 2014, dimostrando chiaramente quanto anche gli italiani siano sensibili e impegnati nel supportare la ricerca clinica sulle lesioni al midollo spinale.

Il prossimo 7 maggio tutti presenti quindi alle 13.00 a Milano in Piazza Castello per conquistare insieme il record globale di iscrizioni e donazioni!

E di record ne conosce tanti Colin Jackson, l’indimenticato atleta britannico tra i più forti specialisti nei 110 ostacoli: due titoli mondiali, quattro titoli europei, un argento olimpico e un record del mondo nei 60 indoor (7″30) tutt’ora valido.

Nel 2003 ha concluso la sua attività agonistica, ma non ha abbandonato la passione per lo sport e oggi è Direttore Sportivo della Wings for Life World Run, la corsa di sport e solidarietà unica nel suo genere che si svolge in contemporanea mondiale in 24 location dei 6 continenti, e il cui intero ricavato viene devoluto a supportare la ricerca sulle lesioni al midollo spinale.

Da grande atleta abituato a inseguire i record, per il 2017 Jackson punta a raggiungere un importante obiettivo, ovvero che la Wings for Life World Run possa battere almeno due primati: vedere la partecipazione del più alto numero di runners ad una corsa e raccogliere sempre più fondi per sostenere la ricerca sulle lesioni al midollo spinale.

Per chiunque voglia dimostrare la propria generosità, la Wings for Life World Run rappresenta l’occasione ideale – spiega Jackson – L’anno scorso i nostri runner hanno raccolto in tutto il mondo 6,6 milioni di euro che sono stati interamente destinati alla ricerca sulle lesioni al midollo spinale. Lo hanno fatto attraverso un’esperienza unica e totalizzante, correndo contemporaneamente in sei continenti, a migliaia, tutti insieme per la stessa fantastica causa”.

Il concetto di traguardo in movimento – aggiunge Jackson riferendosi alla Catcher Carè davvero unico. Non c’è altra corsa al mondo con un format simile e così innovativo!

TUTTE LE INFO SU

www.wingsforlifeworldrun.com

Condividi su: