La dura vita di un Runner (leggi: uomo) alle prese con il bucato

Sì, questo è uno di quei casi dove bisogna alzare le mani e arrendersi. Gli uomini certe cose non le sanno fare come si deve. O non come le farebbe una donna.

E quando si tratta di pulire casa, lavare, stirare – le faccende domestiche insomma – è una tragedia.

Figuriamoci quando si tratta di utilizzare prodotti mai usati prima. Non ti rimane che bluffare e rispondere “sì certo, so benissimo come si usano” con quel fare un po’ scocciato che ti viene quando ti chiedono cose scontate.

In realtà grazie a una veloce indagine tra i miei contatti scopro che i prodotti che mi hanno chiesto di provare – Nuncas – sono popolarissimi tra sportivi e Runners.

Il motivo? A differenza dei tradizionali detergenti questi sono specifici per i capi tecnici, che sì, sono sempre più diffusi (si può dire che nei negozi di articoli sportivi ci sono solo quelli ormai), ma sono anche dei cattura-odore e a volte difficili da lavare.

E per risolvere il problema non puoi certo farli bollire in lavatrice. Anzi, vanno sempre lavati a basse temperature. Ed è per questo che il Detergente Specifico Sportswear si può utilizzare in lavatrice con un programma per capi delicati, a 30°.

Sta di fatto che reduce da una gara di Triathlon ho lì una tonnellata di roba da lavare (abbiamo gareggiato in due) e mentre sto per caricare la lavatrice decido di giocare il jolly.

Visto che la gara è stata particolarmente pesante uso anche l’Antiodore Igienizzante per le zone “calde” così non ne parliamo più. Quello che fa è sciogliere il sudore eliminando gli odori sgradevoli più persistenti, rimuovendo i microorganismi che ne sono la causa diretta.

E visto che nel Triathlon si usano tante scarpe (e si suda parecchio), è giusto anche che i microorganismi presenti all’interno facciano la stessa fine di quelli citati qualche riga sopra, grazie allo Spray Igienizzante.

Mentre scrivo i capi usati in gara sono già asciutti (profumati) e pronti per la prossima avventura, scarpe comprese. Insomma, tutto è bene quel che finisce bene.

Adesso devo solo ricominciare a nuotare, pedalare, correre.

E lavare, lavare, lavare.

Condividi su:
  • 20
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    20
    Shares
  • 20
  •  
  •  
  •  
  •