Le 5 scuse più utilizzate per non allenarsi (e come combatterle)

Abbiamo sempre una scusa pronta per non uscire a correre o ad allenarci vero? E non sempre riusciamo a sconfiggerla, non sempre facciamo quello-che-dobbiamo-fare. I motivi sono innumerevoli, ma alla fine le scuse sono sempre quelle. Ecco – in breve – quali sono le cinque più utilizzate, insieme a qualche consiglio per superarle.

1. Sono troppo stanco/a: non importa quante volte la gente e gli amici ci abbiano detto che fare esercizio fisico non solo ci farà bene, ma ci darà (anche se stanchissimi) ulteriore energia per proseguire nella giornata. Il segreto per vincere questa scusa? Più vi allenerete e più sarà facile allenarsi. È un circolo vizioso e funziona in entrambi i sensi. Non sdraiatevi sul divano davanti alla vostra serie TV preferita. O lo farete tutte le sere. La guarderete più tardi. Superate lo scoglio iniziale, fate un piccolo sforzo, poi sarà tutto in discesa. Più vi allenate, più vi allenerete. 

2. Ho troppi impegni: l’agenda è fitta, e non sapete proprio dove ‘incastrare’ il vostro allenamento. Fate slalom tra lavoro, figli, uscite serali, aperitivi, cene. Ma in realtà ci si può allenare anche in 20 minuti. Cercate degli esercizi o degli allenamenti da fare nei giorni più impegnativi, e preparate abbigliamento e attrezzature la sera prima. Se non avete tempo di andare in palestra perchè perdete un sacco di tempo solo per andare e tornare, allenatevi a casa. Avrete tutto sotto controllo, casa, figli, animali domestici. Con un tappetino e qualche app (o alla vecchia maniera, con un DVD) il gioco è fatto!

3. Non so cosa fare e come farlo: Non fatevi intimidire dai super-esperti e da chi si allena da una vita. Anche loro, come voi, sono stati principianti. Si parte da zero, tutti. E molto probabilmente questi ‘saputelli’ non si cureranno troppo di come state svolgendo un esercizio (se siete in palestra) o di come state correndo (se siete all’aperto). Se vi mancano gli strumenti o la conoscenza, non abbiate timore ad interpellare chi, prima di voi, è passato sulla stessa vostra strada. In palestra chiedete ai personal trainer o agli assistenti, e se siete runners uscite con un gruppo di amici o una società sportiva ed iniziate ad allenarvi in gruppo cercando di carpire (e capire) quali sono gli allenamenti-base e tutti i trucchi per correre al meglio.

4. Non sono dell’umore adatto: litigi con il fidanzato/fidanzata, malavoglia, sindrome pre-mestruale, mal di testa? Quando state così allenarsi è l’ultimo dei vostri pensieri. Ma prima di abbandonare definitivamente l’idea, sappiate che c’è una ‘droga’ che vi potrà salvare: il runner’s high. Alcune ricerche hanno infatti provato la dipendenza di questa sensazione euforica dal rilascio di endorfine da parte dell’ipofisi durante l’esercizio fisico di una certa durata (la durata minima varia soggettivamente ma in genere non è mai inferiore ai trenta minuti di sforzo fisico continuativo). Le endorfine agiscono come una vera e propria droga. 

5. Fa troppo caldo/fa troppo freddo/piove: non fatevi fermare dal cattivo tempo. Dal caldo afoso, dalla pioggia, dal vento o dalla neve. Vi basta così poco per smettere di allenarvi? Se dovesse piovere per quattro giorni consecutivi questo significa che non vi allenerete per quattro giorni di seguito? La tecnologia e i nuovi capi di abbigliamento tecnici ci possono aiutare nell’impresa. Traspiranti e leggerissimi d’estate o resistenti alla pioggia e al freddo in inverno, i nuovi capi tecnici per il running sono favolosi. Permettono a chiunque di poter uscire a correre in qualsiasi condizione climatica. Non rimanete chiusi in casa. Uscite!

no-excuses

Condividi su:
  • 66
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    66
    Shares
  • 66
  •  
  •  
  •  
  •  

3 Comments