Milano City Marathon presentata ufficialmente

MILANO, 30 marzo 2010 – E’ stata presentata ufficialmente a Milano la 10° edizione della Milano City Marathon, che prenderà il via il prossimo 11 aprile dai padiglioni della Fiera di Rho-Pero. Ha posto il benvenuto a nome de La Gazzetta dello Sport il nuovo direttore Andrea Monti. Una maratona con queste caratteristiche e con questi presupposti non può che essere amata dai milanesi; il messaggio che lancia la ‘nuova’ maratona milanese va oltre i valori dello sport: parla di solidarietà, di integrazione, in altre parole di principi che mi piace pensare partano ancora una volta da Milano e dalla Gazzetta”. Un concetto ribadito anche dall’Assessore alla Moda, Design ed Eventi del Comune di Milano Giovanni Terzi. Quando ho lanciato lo scorso autunno quella che allora sembrava una vera e propria provocazione non pochi hanno pensato a un rischio incommensurabile per la maratona di Milano” ha affermato Terzi. “Poi ho avuto la fortuna di trovare tanti amici, RCS Sport in primis, che hanno creduto con me a questa sfida: e facendo squadra, lavorando duro, adesso possiamo finalmente dire che la provocazione di novembre è diventata un bellissimo progetto, che va al di là della semplice maratona ma è un vero e proprio evento globale”. Un evento al quale ad oggi hanno dato la propria adesione più di 5mila maratoneti provenienti da oltre 40 paesi del mondo, oltre a 293 staffette con 1172 atleti.  La Relay Marathon, infatti, sarà una delle grandi novità della Maratona di quest’anno, assieme al nuovo percorso. “Il presupposto da cui siamo partiti nello studiare il nuovo percorso era: non sono i milanesi che devono amare la maratona ma è la maratona che deve farsi amare dai milanesi” ha affermato Linus, presidente onorario della Maratona, vero e proprio ‘ideologo’ delle novità di quest’ anno. “Per far questo abbiamo voluto partire da fuori città, come ormai avviene in tutte le grandi maratone del mondo, e arrivare nel cuore di Milano in momenti che non creassero disagi per i milanesi”.

Staffetta, mezza maratona, nuovo percorso, programma di charity, emissioni zero di CO2, eventi live lungo il percorso: nulla è stato trascurato per rendere la nuova maratona un evento di livello internazionale. “Naturalmente tutto questo non sarebbe stato possibile se non avessimo trovato lungo il cammino tanti amici che hanno creduto in noi e nel nostro progetto” ha ribadito Michele Acquarone, direttore generale di RCS Sport. “Aziende importanti ma anche charity, la RAI che trasmetterà oltre 3 ore di gara, le scuole milanesi che hanno aderito alla School Marathon”. Ha concluso la serie degli interventi il prof. Gabriele Rosa, partner di RCS Sport nel Consorzio Milano Marathon. “Tutte le grandi maratone del mondo hanno impiegato anni per imporsi” ha dichiarato. “Milano dalla sua ha un grande vantaggio: quello di aver disegnato un percorso e di avere delle caratteristiche climatiche che la rendono già oggi la maratona più veloce del mondo. E questa dovrà essere la chiave per avere in futuro i grandi protagonisti della specialità all’appuntamento milanese”.

Tutto dunque è pronto per l’evento dell’11 aprile, con il Marathon Village che aprirà i battenti giovedì 8 aprile, la consegna dei pettorali aitop runners sabato 10 all’Hotel Executive, la Milano School Marathon sempre nella giornata di sabato dalle 15 alle 19 presso l’Arena.
Numerosi i complessi che animeranno le giornate del Village (Lost e The Sun tra gli altri), mentre le ‘isole musicali’ lungo il percorso saranno curate da Radio Deejay. La decima edizione della Milano City Marathon vede al suo fiancoMizuno, in qualità di sponsor tecnico, Skoda auto ufficiale dell’evento,CheBanca! in qualità di sponsor ufficiale, alle quali si affiancano ancheEnervit (Sport drink), Europassistance (partner tecnico) e Garmin(timing ufficiale). La Milano School Marathon vede come sponsor il Gruppo Giochi PreziosiBICK2ViviMilano come media partner; proprio diViviMilano sarà il premio che verrà assegnato al gruppo più numeroso.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •