My Shoes

Nike Lunarglide+ (terzo paio)

Niente da dire, si confermano le migliori scarpe mai avute, e per questo ho deciso per il terzo paio! Questa volta colorazione grigio/verdino (che non mi ispira moltissimo) ma stesse caratteristiche di sempre.

20 Aprile 2010 –

[nggallery id=29]

—————————————————————————————————————————————————

Nike Air Structure Triax+ 13

Torno alla tradizione e vado sul sicuro. Dopo aver provato Le Span, che non mi hanno soddisfatto fino in fondo, la mia scelta ricade sulle Nike Air Structure Triax+ 13. Dopo aver avuto le 10, le 11 e le 12, non potevano mancare anche queste nella lista. Appena calzate danno una sensazione di estrema leggerezza rispetto ai modelli precedenti e di grande ammortizzazione. Domani primo test “sul campo” per vedere come si comportano durante la corsa, ma la prima impressione è sicuramente buona.
Giudizio finale dopo la prova su strada (almeno 100 km). Aggiornamento: ho percorso una novantina di km e non posso che confermare quanto scritto: molto leggere e molto stabili come sempre, la prossima volta mi piacerebbero fossero un po’ più ammortizzate.

17 Febbraio 2010 –

—————————————————————————————————————————————————

Air Span+ 6

DSC01766Per la prima volta in 3 anni seguo il consiglio che un po’ da tutte le parti ho letto (e sentito): usare due paia di scarpe in base al tipo di allenamento. Ed ecco che sono arrivate anche le Nike Air Span+ 6, un paio di scarpe che (all’apparenza) hanno un buon mix tra ammortizzazione e sostegno. Infatti nella parte interna della scarpa è presente un sostegno per leggeri pronatori che, diversamente dalle triax o altri modelli più stabili, non corre per tutta la lunghezza ma è posizionato solo nella zona mediale. Nonostante il prezzo contenuto (100 euro di listino Nike, ma trovate su ebay da solarissport a 56 euro spedizione compresa), sono comunque ben rifinite e abbastanza leggere, anche grazie alla presenza del flywire. Insomma che dire, manca solo il test su strada (che non mancherò di aggiornare al più presto). Giudizio finale: le scarpe si sono comportate in modo piuttosto strano: per i primi 100 km le ho trovate piuttosto dure, ma oltre la soglia sono diventate confortevoli e comode su qualsiasi tipo di terreno. Oggi, con 300 km totali sono totalmente scariche e iniziano a farmi male le ginocchia, segno evidente che sono da cambiare. Insomma, ho ricevuto quello che ho pagato.

24 Ottobre 2009 – 14 Febbraio 2010: Km 311

[nggallery id=17]

—————————————————————————————————————————————————

Nike Lunarglide+ (secondo paio)

DSC01749Dopo aver completamente esaurito il primo paio, ecco che è arrivato anche il secondo paio di Nike Lunarglide+. Stesse caratteristiche ma colorazione diversa, non ancora disponibile in Italia (le ho acquistate in USA grazie a internet). Che dire, dopo aver percorso circa 500 km con il primo paio e aver migliorato qualche PB ho deciso di riacquistarle perchè davvero fanno al mio caso. Molto reattive negli allenamenti veloci, sono adatte a distanze tra i 10 e i 15 km, mentre non danno il meglio sulle lunghe distanze, anche se rimangono comunque molto confortevoli e morbide. Le ho usate in diversi tipi di allenamenti (ripetute, variazioni, lunghi, fondi) e dopo un’attenta analisi grazie ai consigli di un amico sono giunto alla conclusione che utilizzerò due scarpe diverse in base al tipo di allenamento in programma. Molto probabilmente mi orienterò verso le Vomero, molto morbide e adatte ad allenamenti non troppo veloci, e adattissime anche sui lunghi, dove, con la loro ammortizzazione, sapranno garantire l’incolumità delle mie ginocchia. E adesso tutti a correre!!

24 Ottobre 2009 –

[nggallery id=15]

—————————————————————————————————————————————————

Nike Lunarglide+

lunarglideSostanzialmente le glide sono una favola, ammortizzate al punto giusto, reattive senza essere da ritmi estremi e con un buon sostegno. Una specie di zoom elite moooolto più morbida e leggera, adatta (a mio parere) sulle brevi e medie distanze, diciamo fino alla mezza maratona, ma mi riservo di testarle su un bel lungo per capire meglio come si comportano su tratti intorno ai 20-25 km. La tomaia è leggerissima e sembra quasi di non averla, mentre la suola agisce e davvero si adatta alla vostra andatura, diventando più o meno morbida e reattiva al variare del ritmo/velocità che si sostiene. Voto 10+

31 Luglio 2009 – 18 Ottobre 2009: Km 491

—————————————————————————————————————————————————

Nike Zoom Structure Triax+ 12 iD

page3_blog_entry5_1Eccole, finalmente sono arrivate! dopo circa 3 settimane di attesa il corriere ha consegnato quelle che ho incoronato come le migliori scarpe da running mai acquistate. Calzata perfetta e sostegno che finalmente si sente (a differenze delle zoom elite dove il sostegno è davvero minimo), sono molto “avvolgenti” e non si spostano di un millimetro durante la corsa. Le trovo anche più leggere delle versioni 11 e 10 (che ho avuto entrambe), praticamente la somma di tutti i pregi delle scarpe che ho avuto, un sogno!! Senza contare che sono personalizzate con NikeiD e sono quindi (virtualmente) uniche! Voto 10+

17 Aprile 2009 – 30 Luglio 2009: Km 585

—————————————————————————————————————————————————

Nike Air Zoom Elite+ 4 (secondo paio)

page3_blog_entry4_1La scarpa da running Nike Air Zoom Elite+ 4 è una scarpa molto confortevole e avvolgente. Inoltre è una delle scarpe più innovative con predisposizione Nike+. Dotata delle caratteristiche migliori della versione precedente, garantisce comfort e calzata ottimali grazie ai morbidi strati multipli in TPU privi di cuciture. La tomaia è in mesh traspirante con inserti sintetici per un fit dinamico e avvolgente; Intersuola in Phylon per leggerezza e resistenza; unità Air nel tallone e nell’avampiede, soletta predisposta per l’inserimento del sensore Nike+, e uola con inserto BRS 1000 sul tallone per aumentare la durata e gomma sull’avampiede per una maggiore trazione. Dovrebbero essere più veloci e reattive delle precedenti Triax 11, da usare quindi negli allenamenti veloci e/o in gare.
Giudizio personale: vista l’esperienza positiva con il paio precedente ho deciso di riacquistarle, sicuramente un must!.
Percorrenza dal 01/01/2009 al 16/04/2009: Km 421

—————————————————————————————————————————————————

Nike Air Zoom Elite+ 4

page3_blog_entry3_1La scarpa da running Nike Air Zoom Elite+ 4 è una scarpa molto confortevole e avvolgente. Inoltre è una delle scarpe più innovative con predisposizione Nike+. Dotata delle caratteristiche migliori della versione precedente, garantisce comfort e calzata ottimali grazie ai morbidi strati multipli in TPU privi di cuciture. La tomaia è in mesh traspirante con inserti sintetici per un fit dinamico e avvolgente; Intersuola in Phylon per leggerezza e resistenza; unità Air nel tallone e nell’avampiede, soletta predisposta per l’inserimento del sensore Nike+, e uola con inserto BRS 1000 sul tallone per aumentare la durata e gomma sull’avampiede per una maggiore trazione. Dovrebbero essere più veloci e reattive delle precedenti Triax 11, da usare quindi negli allenamenti veloci e/o in gare.
Giudizio personale: le migliori fino adesso, più leggere delle stucture triax ma con un buon sostegno e una ammortizzazione accettabile sono ottime per gli allenamenti veloci o le gare, anche sulle lunghe distanze. Provate nella mezza maratona non stancano e resistono bene.

Percorrenza dal 19/06/2008 al 07/10/2008: Km 510


—————————————————————————————————————————————————

Nike Air Structure Triax+ 11

page3_blog_entry2_1Nike Air Structure Triax+ 11 Uomo, la scarpa da running leggera creata per l’atleta che desidera solo il meglio: stabilità, eccellente ammortizzazione e flessibilità.
CALZATA: Mesh espanso a trama larga con inserti in materiale sintetico nell’area mediale per un sostegno supplementare. Morbidi strati nell’avampiede per evitare fastidiosi corrugamenti attorno alle dita.
AMMORTIZZAZIONE: Inserti Zoom Air nel tallone e nell’avampiede. Innovativo cuscinetto di ammortizzazione Radiused a doppia intensità flessibile per un comfort ottimale ad ogni passo. Supporto plantare per un sostegno ottimale. Avampiede più flessibile grazie alla soletta Fitsole.
TRAZIONE: Ampio inserto in Duralon per una durata e una trazione eccezionali. Arco asimmetrico per un supporto e una torsione ottimali. Tallone in gomma BRS 1000.
ALTRO: Predisposizione Nike+.
Giudizio personale: ottimo il sostegno e l’ammortizzazione, sono ottime e i miglioramenti dalla versione 10 si sentono. Un po’ più leggere anche sulle lunghe distanze non stancano.
Percorrenza dal 18/03/2008 al 31/12/2008: Km 500

—————————————————————————————————————————————————

Nike Air Structure Triax+ 10 GTX

page3_blog_entry1_1Hai problemi di iperpronazione? Sostieni e proteggi il tuo piede con la Nike Air Structure Triax+ 10 GTX, la scarpa da running dalle alte prestazioni realizzata per garantire il massimo comfort anche nelle peggiori condizioni atmosferiche. La tomaia traspirante Gore-Tex infatti assicura impermeabilità e traspirabilità per il massimo comfort. Gli inserti Air-Sole e Zoom Air rispettivamente nel tallone e nell’avampiede e il cuscinetto di ammortizzazione in PU garantiscono un assorbimento dell’impatto al suolo e un’ammortizzazione eccezionali, proteggendo il tallone e l’arco plantare e supportando correttamente l’appoggio del piede. È la versione invernale della classica Nike Air Structure Triax+ 10
Giudizio personale: durissime e davvero difficili da portare, ogni volta dopo pochi km sono una sofferenza per i miei piedi, una scelta non azzeccata.
Percorrenza 26/12/2007 – 31/12/2008: Km 316
Da riutilizzare durante l’inverno 2009

—————————————————————————————————————————————————

Nike Air Structure Triax+ 10

page3_blog_entry0_1Questa versione aggiornata della Air Structure Triax è caratterizzata da uno strato di schiuma di 5 millimetri posizionato al di sopra dell’intersuola per migliorare l’ammortizzazione. La scarpa è dotata di una soletta automodellante semirigida, identica a quella inserita nella Air Pegasus, che permette un alloggiamento più confortevole del piede. I tecnici Nike hanno anche smussato l’intersuola sulla parte esterna del tallone migliorando così l’appoggio sul terreno e riducendo il grado di pronazione. Questo modello è adatto per runners con arco plantare nella norma che cercano una scarpa da allenamento con buone carattersitiche di stabilità.
Giudizio personale: buona ammortizzazione e sostegno, forse un po’ pesanti e difficili da “trascinare” sulle lunghe distanze.
Percorrenza 31/05/2007 – 25/12/2007: Km 440

—————————————————————————————————————————————————

Condividi su:
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •