New Era annuncia la partnership con la Italian Football League

New Era, il brand lifestyle internazionale con una forte e autentica tradizione nello sport, è orgoglioso di annunciare la partnership con la Italian Football League (IFL). New Era è conosciuto come il cappellino ufficiale di alcune delle più celebri leghe sportive americane tra cui la Major League Baseball (MLB), la National Football League (NFL) e la National Basketball Association (NBA), e sarà lieta di produrre cappellini di qualità dedicati ai team della Italian Football League.

La partnership mondiale tra New Era e la IFL, iniziata a dicembre 2012 e della durata di due anni, è la prima nel suo genere in Italia. Per sostenere il lancio, New Era produrrà cappellini realizzati specificatamente per i seguenti team, includendo l’utilizzo del logo ufficiale della Italian Football League: Dolphins Ancona, Giants Bolzano, Hogs Reggio Emilia, Marines Lazio, Rhinos Milano, Seamen Milano e Warriors Bologna. I cappellini saranno caratterizzati dai colori delle squadre e l’autentico logo ricamato New Era Flag. Il brand avrà distribuzione mondiale e diritti sul marchio per queste squadre.

La Italian Football League (IFL) è stata fondata in Italia nel 2007 da alcuni dei più conosciuti club di football americano, con lo scopo di migliorare lo standard del gioco, la notorietà dello sport nel paese e la qualità del management, oltre che per massimizzare le risorse e fornire un modello organizzativo che fosse d’ispirazione per atleti sia giovani che esperti.

Fin dal 2008, la IFL ha dimostrato di rappresentare il livello più alto del football italiano, con un mix effettivo di giocatori italiani e di importazione americana che giocano una parte importante nello sviluppo della League e di questo sport in generale, sia dentro che fuori dal campo.

Membro del FIDAF, l’ente italiano del football, la IFL è costituita da 7 squadre: Dolphins Ancona, Giants Bolzano, Hogs Reggio Emilia, Marines Lazio, Rhinos Milano, Seamen Milano, Warriors Bologna.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •