Quella volta che Magic Johnson rifiutò un pacchetto di azioni Nike

Magic Johnson è una leggenda del basket. Ha vinto praticamente tutto, cinque titoli NBA con i Lakers, l’oro alle Olimpiadi 1992 e un titolo NCAA con Michigan State nel 1979.

Per tre volte miglior giocatore NBA e miglior giocatore delle finali NBA, il suo nome è nella lista dei 50 migliori giocatori della storia NBA.

Ma Magic Johnson è anche un imprenditore di successo. Nel 1987 ha fondato la Magic Johnson Enterprises, un’azienda proprietaria di varie attività commerciali negli Stati Uniti, tra cui gli “AMC Magic Johnson Theatres” (cinema multisala), oltre 30 Burger King, la catena di palestre “24 Hour Fitness Magic Johnson Sport Clubs”.

Fino al 2010 ha detenuto la comproprietà della Urban Coffee Opportunities, azienda proprietaria di oltre 100 Starbucks negli Stati Uniti.

Non solo, nel 1994 Magic ha acquisito circa il 5% della quota azionaria dei Los Angeles Lakers, divenendo inoltre vice presidente della squadra. Nel 2010 ha poi ceduto la quota a Patrick Soon-Shiong, uno degli uomini più ricchi degli Stati Uniti.

Insomma, i soldi non gli mancano. Ma nel corso di una puntata di The Ellen DeGeneres Show, Magic Johnson ha confessato (non senza un po’ di rammarico) di aver detto no a un’offerta di Phil Knight, che gli proponeva, al posto di un compenso economico, uno stock di azioni Nike.

Nel video, disponibile con i sottotitoli in inglese (cliccando sull’icona CC), Magic Johnson rivela che “Oh, se non è stato un errore quello. Ancora mi prenderei a calci. Ogni volta che entro in un Nike store, divento matto. E penso che a quest’ora potrei far soldi con ogni persona che ci entra, in un Nike store.”

Non si conosce l’esatto ammontare dell’offerta, ma di sicuro si parla di un ammontare di soldi stratosferico.

Beh insomma, non ha comunque di che preoccuparsi.

Per fortuna, sua.

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •