We lOVS Norcia, i racconti e le immagini di una giornata speciale

Ci sono esperienze che solo la corsa può regalare. Anzi, a dirla tutta, ci sono esperienze che non avrei mai vissuto senza la corsa.

A Norcia oggi non si parlava di corsa. Ma in tanti, tantissimi, hanno partecipato alla We lOVS Norcia. Una marcia di 5.8 km (con la possibilità di scegliere un percorso più lungo, di 7.2 km) organizzata da OVS nell’ambito del progetto Arts of Italy.

Un progetto per raccontare e recuperare le arti decorative. Un immenso patrimonio di manufatti, ma soprattutto di saperi e tecniche che hanno segnato la storia dell’arte e dell’artigianato italiano.

Ma qui a Norcia le vere protagoniste sono le storie delle persone. Le stesse persone che dopo il terremoto del 30 Ottobre hanno perso tutto.

Casa, negozio, una scuola per i figli. E che oggi sono qui per dimostrare che sono capaci di rialzarsi, risalire, ripartire da zero.

Mentre camminiamo ascoltiamo le incredibili storie di chi ha vissuto il terremoto sulla propria pelle.

Passiamo accanto alla scuola che è stata recentemente ricostruita, e il pensiero va alle mie figlie. Non riesco nemmeno ad immaginare cosa farei in una situazione del genere.

C’è chi sta ancora pagando un mutuo per una casa nella quale non può entrare ed è costretto a vivere in una casa prefabbricata, un camper, una roulotte o – nel migliore dei casi (si fa per dire) – pagare l’affitto per abitare in un’altra casa.

I soldi per la ricostruzione tardano ad arrivare, mentre le speranze si affievoliscono giorno dopo giorno. La paura di non tornare nelle proprie case, la paura che il terremoto torni di nuovo.

Ma i danni non sono solo legati alle abitazioni. L’agricoltura e l’attività agricola èsono state gravemente compromesse. Decine se non centinaia gli animali persi o abbattuti, così come sono stati persi buona parte dei raccolti. Ceci, lenticchie, il paziente lavoro di mesi.

E se ti guardi intorno ti accorgi che la natura che ti circonda ti toglie il fiato. Si fa fatica a credere che le vite di così tante persone siano cambiate in un istante.

La stessa natura che con il terremoto è riuscita a far riemergere il torrente Torbidone, che è tornato a scorrere dopo decenni di assenza, nella piana di Santa Scolastica.

Nello zona della partenza, dove torniamo dopo la marcia, c’è una sorta di mercato con i prodotti tipici di questa incantevole terra. E la dignità e il grande coraggio delle persone che oggi sono qui li puoi sentire, li puoi quasi toccare.

Ma la We lOVS Norcia non si ferma qui, con la marcia. Anche per questa edizione di #OVSArtsofItaly è stata infatti attivata una raccolta fondi negli store OVS.

Che saranno devoluti per ridare vita a opere artistiche, in particolare al restauro del dipinto del XVII secolo “Madonna con bambino in gloria, Santa Scolastica e altri Santi” della Basilica di San Benedetto da Norcia.

Io di questa giornata mi porto a casa il calore delle persone e la loro accoglienza, la loro incredibile semplicità e la grandissima forza con la quale affrontano, giorno dopo giorno, problemi che paiono insormontabili.

TROVI TUTTE LE INFO SU

http://artsofitaly.ovs.it

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •